IT | EN
28/05/2020 | DESIGN, PEOPLE
L'INTERVISTA DEL GIOVEDI'

JACOPO FOGGINI.STUPEFACENTE METACRILATO

Di: Gisella Borioli

Jacopo Foggini, più artista che designer, si è appropriato di una materia inusitata, il metacrilato, di cui si è innamorato da piccolo. Ne ha fatto la base della sua produzione artigianale e esclusiva di oggetti belli, colorati, unici, teatrali, leggeri e anche giganteschi. Oggetti liberi che seguono le ali dell’immaginazione e forgiati manualmente, con la materia portata a più di 200 gradi. Al Superstudio ha portato, nel 2004, i suoi onirici fiori con anima di luce e un monumentale chandelier.

Da dove nasce la passione per il metacrilato?
La mia passione per il metacrilato, materiale comunemente usato per produrre catarifrangenti delle macchine, è nata nelle aziende di famiglia. Una notte, all’età di cinque anni, mi sono intrufolato nella fabbrica di materiali plastici e ho visto fuoriuscire dal “naso” di uno degli enormi macchinari, una goccia rossa di metacrilato. Da allora questo materiale è entrato nel mio immaginario, e come un seme, lentamente negli anni, è cresciuto fino a diventare la mia vita. Negli anni ’90 ho iniziato a sperimentarne l’utilizzo creativo, affascinato dalle sue qualità cromatiche ed estetiche.

Da dove arriva l’ispirazione?
L’ispirazione arriva dal passato, meraviglioso contenitore di idee e progetti dal fascino senza tempo.

Dove ami vedere installati i tuoi fantastici oggetti?
Ovunque, dai musei ai grandi spazi pubblici, dagli hotel alle residenze private.

Dove ti collochi come categoria: artista artigiano o designer?
Mi muovo in quel territorio di confine fra arte e design senza pormi troppi limiti di classificazione.

Dove ti senti più a tuo agio, nella manualità o nella tecnologia?
Il mio lavoro è vicino a quello di un artigiano, la manualità è la componente principale delle mie creazioni. La qualità artigianale è da sempre uno dei punti cardine del mio lavoro. Realizzo solo pezzi unici, che non si possono produrre in serie e che non possono essere replicati. Edra, azienda con cui collaboro da diversi anni, mi ha aiutato a concretizzare questo mio desiderio, perché è impegnata a supportare il lavoro creativo, con particolare attenzione per la componente artigianale e manuale. La tecnologia è un mezzo al servizio del processo creativo, ci servirà sempre di più per promuovere nuovi progetti, per tenerci connessi e aperti al mondo.

Dove deve andare il design?
Gli ultimi avvenimenti hanno stravolto il mondo e i pilastri su cui si poggiavano le nostre abitudini sono crollati. Il design ha il dovere di adeguarsi e fornire delle soluzioni a questi cambiamenti. Il tema centrale sarà la sostenibilità: la pandemia che stiamo superando è un avvertimento da parte dal pianeta. Il mio lavoro con il metacrilato è sempre stato improntato al riciclo, la plastica – spesso erroneamente demonizzata – offre infinite possibilità di riutilizzo e trasformazione. Penso inoltre che il design debba ritrovare una dimensione locale, più artigianale e debba pensare ad oggetti duraturi, che resistano al tempo e possano essere tramandati di generazione in generazione, come è stato per gli oggetti del passato.

Dove trovare quello che cerchi durante il Fuorisalone?
La Design Week è un periodo molto importante per ogni Designer che vede concretizzarsi il lavoro di un anno e allo stesso tempo è il punto di partenza per nuove idee e nuovi progetti. Trovo però che negli ultimi anni il Fuorisalone sia stato un po’ “fuori controllo”: troppi eventi e poche cose davvero interessanti. Spero che per il futuro venga ripensato con una maggiore selezione e attenzione per la qualità.

Dove ti piace vivere?
Mi piace vivere fra Milano e Bobbio. Milano è la metropoli italiana per eccellenza, è una città in continua evoluzione dove etnie e culture diverse si incontrano. Moda, arte e design offrono sempre nuovi stimoli per il mio lavoro. In particolare amo il quartiere in cui vivo, Porta Romana. E’ un quartiere ricco di piccole realtà, spazi verdi e ben collegato e punto di incontro con molti dei miei più cari amici. Bobbio, in Val Trebbia, è il luogo che ho scelto per costruire la mia casa. Un luogo magico dove ricongiungermi con la natura, ritrovare le cose essenziali, come il lavoro manuale, la cura delle piante e dell’orto e il piacere di cucinare per gli amici.

“Nel Blu Dipinta di Blu” chairs for Edra, Musée d’Orsay 2014
"Shake", Fuorisalone in Milan, 2019
"Nuvola" installation in Mumbai
Detail

PROSSIMO ARTICOLO

DOVE VA LA MODA DOPO IL COVID?

ARTE
DESIGN
DUBAI
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
PEOPLE
TENDENZE
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA