IT | EN
05/06/2023 | MODA
Moda

IL TESSUTO? E' ANCHE DESIGN.

Di: Giorgio Re

In questi giorni è uscito il volume “Il design del tessuto italiano”, edito da Marsilio, nel quale Vittorio Linfante docente di Fashion Design, Branding e Comunicazione presso il Politecnico di Milano, e l’iconografo Massimo Zanella hanno scelto di raccontare “in libertà” la storia dei tessuti che sono forse l’ingrediente primo della nostra moda… e ben altro.

 Senza nessun accanimento iper-filologico per i soli addetti ai lavori, gli autori hanno compiuto una selezione interessante con il dovuto rigore curatoriale. Ci sono disegni e abiti di Walter Albini, così come di nomi che chi fa moda - e design di moda - dovrebbe conoscere: le sperimentazioni tessili di Lucio Fontana e Gio Ponti, i motivi optical di Germana Marucelli e quelli caleidoscopici di Emilio Pucci. C’è il trompe-l’oeil di Roberta di Camerino e il pop flower di Ken Scott, quello di Elio Fiorucci, quello “à la Andy Warhol” di Gianni Versace. Si analizza il lavoro sull’heritage compiuto da Prada, Valentino e Marni. Non si trascurano gli archivi aziendali e la necessità della loro valorizzazione, a partire da quello di Missoni.

 In sintesi: in questo volume c’è il made in Italy “sostanziale”: stilisti, designer, aziende che hanno contribuito all’affermazione del tessuto e in particolare del fabric design italiani nei cinque continenti. Alta qualità, dunque, che non è solo moda, poiché essa comprende– e il mondo intero la apprezza esattamente per questa sua eterogeneità d tipologie di prodotto - tra l’altro tovaglie, tappeti, tessuti da arredo, a cui sono dedicati saggi monotematici d’autore.

 Vittorio Linfante e Massimo Zanella, “Il design del tessuto italiano”, Marsilio  Editori, 2023

 

 

 


PROSSIMO ARTICOLO

FONDAZIONE TRUSSARDI NOMADE PER SCELTA

ARCHITETTURA
ARTE
DESIGN
DISCOVERING
DUBAI
EDITORIA
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
GREEN
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
MOSTRE
PEOPLE
TALKS
TENDENZE
VIDEO
MILANO FASHION WEEK
CINEMA
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA