IT | EN
16/06/2022 | EDITORIALE

DIETRO I NUMERI LE IDEE

Di: Gisella Borioli

Chiusa una Design Week con generale soddisfazione e Milano pimpante nel suo ritrovato ruolo di capitale del design di oggi e di domani, ecco che la mente già vola alla prossima edizione, cui ci separa meno di un anno. Anzi nove mesi, cioè il tempo giusto per partorire un altro appuntamento fatto di mille voci che sanno immaginare un mondo nuovo. I “numeri” della edizione appena conclusa ci suggeriscono molte cose…

Da lunedì Superstudio è al lavoro col nuovo progetto Superdesign Show, con i contatti in sospeso, con le idee che frullano, con la resa dei conti, con il tema dell’anno da lanciare agli aspiranti espositori per una manifestazione 2023 armonica nella sua diversità. Se quella appena trascorsa è stata l’edizione del “LOOKING AHEAD”, la prossima sarà “………” e ci porterà ancora più lontano?
Intanto giriamo intorno al balletto delle cifre. Numeri che ci parlano di un successo, di aspettative raggiunte, di qualche defaillance, di un primato ancora una volta confermato, di una città che continua ad evolversi, allargarsi, contaminarsi.
Dunque. Il Superdesign Show 2022 al Superstudio Più ha accolto circa 60.500 visitatori quest’anno. É un gran risultato di cui dobbiamo ringraziare tutti: gli espositori che hanno creduto in noi, il nostro straordinario team che ha lavorato duro tra continue incertezze e ambiziosi obiettivi. Insieme a collaboratori, fornitori, operatori a vario titolo e non ultimi studenti e stagisti alla loro prima esperienza, tutti pieni di entusiasmo.
Contrariamente al sistema di misurazione accessi abituale alle presentazioni del design in città, il più delle volte empirico o intuitivo, da anni Superstudio usa un sistema di registrazione obbligatoria che ci permette di avere dati reali e un'immagine chiara della tipologia di visitatori del Superdesign Show 2022. Il che ci consente anche di analizzare qualitativamente le presenze. Che sono state oltre 60.000 di cui 42.953 registrati online e di questi il 30% dall’estero.
Se entriamo ancor più nel dettaglio di chi ci è venuto a trovare scopriamo che 37% sono stati professional e creativi, 34% architetti e designer, 20% visitatori generici, 4% buyers, 3% giornalisti, 2% ospiti. E che i visitatori internazionali sono stati il 23% con il 77% di italiani.
Altissimo anche il numero dei giornalisti registrati: 1.815 (35% internazionali) e le testate di rilievo che hanno visitato Superstudio e hanno parlato di noi, tra cui  90+10, Abitare, Artribune, Avvenire, Casabella, Casa Facile, Corriere della Sera, Cose di Casa, D Casa, Design Diffusion, Design Wanted, Divisione Contract, Domus, Elle, Elledecor, Elle Decoration, Fanpage, Forbes, Global Design Wave, Gq, Grazia, Harpers Bazaar, Hearst, Ideat, Il Fatto Quotidiano, Il Giornale, Il Giorno, Il Mattino, Il Messaggero, Il Resto del Carlino, Il Sole24ore, Interni, IoDonna, L’Officiel, La Gazzetta dello Sport, La Nazione, La Repubblica, Lapresse, La Verità, Marie Claire, MD Magazine, MF Fashion, MFL-Magazine For Living, Mondadori, Oggi, Pambianco, Panorama, Platform, Rollingstone, Segno, TrendCompass, TuttoMilano, VanityFair, ViviMilano, Vogue, WU Magazine e molte altre italiane e estere non ancora recensite.
Scatenati i social, le radio, i podcast e le dirette Instagram e molte le tv di importanza nazionale come La7, Mediaset, Rai, Tg1, Tg2, Skytg24, Tgcom e perfino FashionTv Brasile.
Cifre e fatti che ci rassicurano ancora una volta sull’appeal di Milano come hub del design globale. E soprattutto della tenuta e del prestigio di Superstudio come primo ente privato indipendente, organizzatore e promotore del design diffuso in città. Proprio a partire dall’invenzione del Tortona District.
E ...Save The Date! Nella prossima edizione una grande sorpresa vi aspetta. Arrivederci a tutti dal 17 al 23 aprile 2023.

Scardina i punti di riferimento nello spazio il simulatore dell'azienda giapponese Forum8
L'installazione Hypernova dell'artista e designer Sara Ricciardi è un caleidoscopio di illusioni e di colori
Alessia Cappello, assessora del Comune di Milano al Lavoro, alla Moda e al Design con Gisella Borioli, direttore creativo del Superdesign Show
Il rossetto-astronave di Toiletpaper rende pop il tetto urbano di Superstudio con la maxi-installazione di Maurizio Cattelan e Pierpaolo Ferrari

PROSSIMO ARTICOLO

SUPERDESIGN SHOW 2022: I NUMERI DI UN SUCCESSO

ARCHITETTURA
ARTE
DESIGN
DISCOVERING
DUBAI
EDITORIA
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
GREEN
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
MOSTRE
PEOPLE
TENDENZE
VIDEO
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA