IT | EN
01/06/2019 | DESIGN, MODA

A CIASCUNO LA SUA WEEK

Ai puristi del design, ai promotori del Fuorisalone come fenomeno di creatività diffusa, questo proprio non piace. Non piace che la Moda, con tutta la sua potenza, si sia infilata tra i brand piccoli e grandi di arredo, tra i produttori dei device supertecnologici e i designer in cerca di visibilità, togliendo spazi e attenzione. Dopo anni di investimenti e di fatiche per creare un evento che coinvolge tutta la città e che ha reso Milano la capitale del Design del mondo, ecco, tra le aziende fiore all’occhiello della creatività italiana ma con fatturati che non reggono il confronto, tra i tanti pionieri e sperimentatori, tra le università del mondo e i giovani talenti che ancora lottano tra budget insufficienti e location irraggiungibili, comparire sullo stesso palcoscenico e nello stesso momento i Grandi della Moda e i negozi del quadrilatero della moda che si lustrano a festa con qualche allestimento straordinario o ospitando pezzi di design e inserendosi così nel fitto calendario degli eventi. Sono nomi gloriosi, che evocano lusso e vite dorate: Louis Vuitton, Hermès, Bulgari, cui si aggiungono Dolce&Gabbana, Tod’s, Miu Miu, Tommy Hilfiger, Blumarine, Paul Smith e molti altri, senza contare quelli che dentro all’arredo ci sono davvero, da anni e non sporadicamente, come Armani, Missoni o Versace. Hanno aggiunto, è vero, per l’occasione, oggetti decorativi di vario genere, ma tolgono comunque attenzione, e visitatori, alla vera ragione di essere presenti in questa Design Week: parlare dell’habitat di domani, non degli abiti di oggi.

Versace Home
Miu Miu, Matching Colorstool

PROSSIMO ARTICOLO

LE SCELTE DEL DESTINO

ARTE
DESIGN
DUBAI
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
PEOPLE
TENDENZE
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA