IT | EN
05/01/2021 | ARTE

UNREAL CONTEMPORARY ART

Di: Chiara Ferella Falda

Sapevamo che la nostra mostra “Unreal but Real” con opere d’arte di Flavio Lucchini in realtà aumentata fosse avant-garde, ma non avremmo immaginato anche profetica. Un nuovo modo di fruire l’arte contemporanea che Superstudio aveva già intuito quasi due anni fa. Una tendenza che oggi diventa necessità.

Presentata in aprile 2019 al Superstudio Più con la nuovissima tecnologia creata da Sense- immaterial Reality, la mostra virtuale permetteva di godere tramite il cellulare e una app dedicata di un percorso emozionale di grandi sculture e installazioni di Flavio Lucchini, che interagivano con i visitatori e potevano anche essere fotografate nonchè condivise sui social.
Ora che i musei e le gallerie di mezzo mondo sono chiusi per emergenza covid, l’arte irreale è forse l’unico modo per fruire liberamente e in sicurezza di installazioni disseminate in città. Ne è un esempio Unreal City a Londra, il più grande festival in realtà aumentata che la capitale inglese abbia mai ospitato sulle rive del Tamigi. 
Il progetto è iniziato l’8 dicembre  2020 e termina il 5 gennaio 2021: 36 sculture, statiche o in movimento, per un percorso unico che coinvolge artisti del calibro di Cao Fei, Marco Brambilla, Alicja Kwade, KAWS, Olafur Eliasson. Anche in questo caso indispensabile l’iPhone e una app dedicata, ARkit.
​​​​​​​
acuteart.com/artist/unreal-city/

Bjarne Melgaard, Unreal City (London). ph. @acuteart Instagram
Toy by Flavio Lucchini, at Superstudio Più (April 2019)
Cao Fei and KAWS, Unreal City (London). ph. @acuteart Instagram
Lu Yang Unreal City (London). ph. @acuteart Instagram

PROSSIMO ARTICOLO

AUGURI DA SUPERSTUDIO- HAPPY NEW YEAR!

ARTE
DESIGN
DUBAI
EDITORIALI
EVENTI
FOTOGRAFIA
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
PEOPLE
TENDENZE
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA