IT | EN
03/07/2020 | DESIGN

NUOVE FRONTIERE DEL LAVORO QUOTIDIANO

Di: Giulio Cappellini

Reale, virtuale, nomade, condiviso: una nuova organizzazione del lavoro e dello studio. Questo il concept di SuperCampus, il nuovo progetto di Giulio Cappellini per Superdesign Show 2021 che promette una rivoluzione del tempo e dello spazio dove bellezza, qualità e nuovi rapporti sociali saranno una possibile soluzione e una risposta concreta post covid.

"Il recente periodo di isolamento ha accentuato un processo già da tempo in atto: un modo nuovo di lavorare e gestire il proprio tempo.
In passato si lavorava molte ore in ufficio investendo poi il tempo libero negli hobbies, nel relax, nel vivere la propria casa.
In seguito si è iniziato ad avere un atteggiamento meno rigido verso il proprio lavoro: meno ore passate in ufficio, lavoro fatto anche a casa, riunioni più brevi, abbigliamento meno formale, relax nell’ambiente di lavoro.
Ci si è accorti che per prendere decisioni importanti non serve passare molto tempo in una severa sala riunioni ma si può discutere anche in una area ristoro dell’ufficio.
Quindi spazi più fluidi e flessibili, pronti a trasformarsi a seconda delle esigenze, creando ovviamente delle nicchie per la privacy di ognuno.
Non più headquarters ma campus, non più spazi monocolore ma grande attenzione alla paletta colori ed all’uso di materiali naturali.
Ora ci siamo accorti che possiamo lavorare a casa, in un bar, in un parco....
Siamo meno stanziali e più nomadi e la moderna tecnologia ci aiuta a diminuire gli spostamenti ed a organizzare molti incontri virtuali.
Ciò non sostituirà appieno i meeting, i pranzi, gli incontri che però saranno meno formali  e più liberi.
Lavorare in questo modo significa avere più tempo per riflettere e  da dedicare a se stessi ed al proprio benessere.
Stare bene significa lavorare meglio.
L’approccio reale mixato all’approccio virtuale al lavoro saranno i temi fondamentali affrontati nel progetto SuperCampus 2021 presso Superstudio Più durante la Milano Design Week di Aprile in cui la tecnologia si confronterà con gli arredi del nostro tempo e con i classici del design contemporaneo perché nulla potrà mai sostituire la bellezza della realtà.
Nuove istanze, nuove regole, nuovo approccio al lavoro non ci spaventano, anzi ci stimolano a pensare un nuovo futuro in cui lavoreremo serenamente e....torneremo a stringerci la mano!"

Giulio Cappellini

Combine Evolution by Piero Lissoni for Boffi
"Caveau" Icone Luce
"Riapamonti" chair by Keiji Takeuchi for De Padova
Palmia, Janus et Cie

PROSSIMO ARTICOLO

MARCEL WANDERS: IL SENSO DEL MISTERO

ARTE
DESIGN
DISCOVERING
DUBAI
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
PEOPLE
TENDENZE
VIDEO
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA