IT | EN
20/09/2021 | DUBAI

FLAVIO LUCCHINI A INNOVATION HOUSE PER EXPO DUBAI 2020

Un “fuoriExpoDubai2020” per conoscersi e farsi conoscere, aprire nuove connessioni e mercati, ma anche un laboratorio di idee per generare innovazione e business, prima e dopo il tour alla esposizione universale. Questo il progetto di Innovation House realizzato da Fondazione Politecnico e Regione Lombardia nella Pentahouse dell’InterContinental Hotel di Dubai Marina.  Ri-arredato con i migliori brand del design italiano a Flavio Lucchini è stato chiesto di essere il solo artista a portare il segno dell’arte con le sue opere.

La storia di Flavio Lucchini con Dubai data ormai da più di dieci anni. Nasce con un viaggio turistico, si arricchisce della fascinazione di quella cellula di futuro che sperimenta nuove modalità architettoniche, urbanistiche e di convivenza, si afferma con la decisione di trascorrervi alcuni mesi all’anno analizzandone gli stili di vita e, infine, di entrare tra gli artisti della galleria italiana Oblong che a Dubai ha una grande e bellissima sede.
Lucchini è un artista open-mind che testimonia le situazioni che incontra partendo da un punto di vista particolare, molto legato alla cultura italiana. Quello della moda, o meglio, del vestito, oggetto di culto dei nostri tempi e metafora della società contemporanea.
Nell’anno di ExpoDubai2020 è stato invitato a partecipare al progetto di Fondazione Politecnico in collaborazione con Regione Lombardia per esporre le sue opere, quadri raffinati e piccole preziose sculture. Nelle suite destinate ad incontri d’affari e conviviali della Penthouse dell’hotel InterContinental a Dubai Marina, a pochi minuti di distanza di auto o Metro dalla sede dell’esposizione, il suo a-solo-show vive accostato con armonia agli arredi di prestigiosi brand italiani, portando tutti insieme una lezione di bellezza, di qualità, di eleganza. Che, tra opere grafiche, sequenze di moda, ritratti accennati, grattacieli infiniti, non dimentica un omaggio alla donna mediorientale quando sceglie di indossare con grazia gli abaya della tradizione. Il che a Dubai è una scelta personale, senza costrizione.

Necklines. Pittura acrilica su canvas, 1995. Poltrona di Marcel Wanders per Cappellini. Ph Giovanni Cappellini
Dress memory. Bassorilievo in vetroresina catalizzata bianca. 2004.
Abayas. Digital painting on canvas, 2009.
Paintings Colorful, trittico acrilico su tela.

PROSSIMO ARTICOLO

SUPERDESIGN SHOW 2022? AL SUPERSTUDIO COSTA MENO!

ARTE
DESIGN
DISCOVERING
DUBAI
EDITORIALE
EVENTI
FOTOGRAFIA
INNOVAZIONE
LIBRI
LOCATION
MODA
PEOPLE
TENDENZE
VIDEO
ARCHIVIO COMPLETO
ARTICOLI IN EVIDENZA